bambina iperattivaBambini iperattivi. Premi o punizioni?

di Anna La Prova

Il bambino iperattivo può rendere la vita molto difficile ai genitori così come Il Bambino Iperattivo in Classe può creare problemi al proseguire delle attività didattiche .

Gestire un bambino iperattivo, non e’ un’impresa impossibile, ma bisogna conoscere le strategie cognitivo-comportamentali adeguate!

Molto spesso genitori e insegnanti agiscono per tentativi ed errori, cercando di tamponare l’ Iperattività nel Bambino e le emergenze dovute ai suoi comportamenti negativi, tuttavia agire guidati dall’istinto del momento senza avere un piano strategico da seguire, non fa che peggiorare la situazione.

Una delle strategie che maggiormente funzionano con il bambino iperattivo e anche più in generale con l’ Iperattività a Scuola, consiste nel prevedere un riconoscimento immediato dei suoi comportamenti positivi, piuttosto che andare a sottolineare quelli negativi, punendo il bambino iperattivo molto spesso.

In genere, infatti, il bambino iperattivo ha una storia di punizioni, rimproveri, critiche, che hanno abbassato la sua autostima.

Questo rende il bambino iperattivo abbastanza sensibile ai premi e ai riconoscimenti positivi.
Per riconoscimenti positivi, intendiamo in psicologia, tutto ciò che segue un comportamento del bambino iperattivo e che va a lodarlo, gratificarlo, premiarlo per ciò che ha appena fatto.

Per alcuni bambini può essere sufficiente un apprezzamento anche verbale, del tipo “Molto bene! Sono molto contenta di te!”, per altri, invece, c’è bisogno di premi più materiali, come figurine, dolci, giocattoli.

Per riuscire a gestire bene un bambino iperattivo, diventa quindi importante capire che tipo di “premio” può essere più adeguato per quel bambino iperattivo specifico. Non tutti i premi vanno bene per arginare l’ Iperattivita’ del Bambino, infatti.

Molto spesso sia i genitori che gli insegnanti mi chiedono “Ma perchè dovrei premiare il bambino iperattivo, se i suoi compagni (o i suoi fratelli), si autoregolano molto più spesso di lui e con molta più frequenza?” la risposta è “Perchè il bambino iperattivo fa uno sforzo maggiore degli altri, quando gli chiediamo di autoregolarsi, quindi va premiato sicuramente più degli altri!

Questo aspetto è difficile da comprendere per gli educatori, genitori o insegnanti che siano, a contatto con il bambino iperattivo, perchè apparentemente il bambino iperattivo non sembra avere niente da meno degli altri, eppure, se di bambino iperattivo si tratta (quindi di ADHD in senso stretto), stiamo parlando di un disturbo specifico che ha una base neurobiologica e che quindi determina una reale difficoltà, nel bambino iperattivo stesso, a mettere in atto quei comportamenti socialmente adeguati che per gli altri bambini sono assolutametne normali.

Tenere presente questa informazione, come altre informazioni adeguate sul Iperattività Nel Bambino, diventa fondamentale non solo per riuscire a gestirlo nel migliore dei modi, ma anche per gestire i sentimenti di ansia e di frustrazione, che spesso genitori e insegnanti sperimentano nel rapportarsi al bambino iperattivo.
Con l’intento di favorire la diffusione di corrette informazioni su questo argomento,