Centro Studi Forepsy – BES

Seguici su Facebook!

Accedi alle risorse gratuite

BES

Bisogni Educativi Speciali

L’inclusione possibile

di Giorgia De Fabritiis

Non di rado nelle realtà scolastiche gli studenti manifestano difficoltà di vario genere, divenendo pertanto oggetto di particolare interesse ed osservazione da parte dell’istituto che li accoglie. A volte le problematiche sono già state preventivamente segnalate dalla famiglia, che richiama l’attenzione di esperti affinché vi si attribuisca un senso. Una volta che […]

BES. Cosa cambia per gli insegnanti?

Bisogni Educativi Speciali. Cosa cambia per gli insegnanti?

di Anna La Prova

Con la circolare del 6 marzo 2013, il MIUR dà indicazioni specifiche su come la scuola deve rispondere alla presenza in classe di allievi con Bisogni Educativi Speciali.

Come al solito le indicazioni su cosa fare sono chiare, ma la domanda che molti insegnanti (e dirigenti scolastici) si stanno facendo in questo momento, e che resta ancora aperta, è “COME Rispondere ai Bisogni Educativi Speciali”?

Tentiamo di dare una risposta riflettendo sulle principali novità della circolare:

In realtà la circolare si richiama alla necessità di personalizzazione degli apprendimenti, principio già enunciato dalla legge Moratti ( Legge 53/2003), quindi a pensarci bene, forse niente di nuovo sotto il sole. Ciò che sta facendo dubitare dirigenti e insegnanti è il capoverso in cui si dice che:

“Ove non sia presente certificazione clinica o diagnosi, il Consiglio di classe o il team dei docenti motiveranno opportunamente, verbalizzandole, le decisioni assunte sulla base di considerazioni pedagogiche e didattiche; ciò al fine di evitare contenzioso.”
Da qui il disorientamento, nel senso che molti insegnanti si chiedono (e mi chiedono) “Possiamo noi insegnanti, con gli strumenti che abbiamo, valutare e affermare che un bambino ha un disagio specifico e quindi necessità di un’educazione speciale?”

[…]

Includere con la LIM

di Laura Dominijanni
Le classi di oggi sono gruppi composti  da “diversità” sempre più evidenti: economiche, sociali, culturali, fisiche, cognitive. Affinché diventino una ricchezza, però -come si sente ormai dire a mo’ di slogan ed è effettivamente auspicabile che sia!-  è necessario che vengano “viste” e valorizzate. 
A scuola questo vuol dire in primo luogo utilizzare una […]

Includere gli alunni con BES con il Circle Time

di Laura Dominijanni
Sono sotto gli occhi di tutti i grandi mutamenti che la complessità sociale ha portato nella scuola: sono cambiati gli alunni e le problematiche presentate, ma anche le loro famiglie, l’organizzazione scolastica, etc. Si modificano quindi i contenuti e la didattica ma, soprattutto, alla scuola come istituzione si chiede oggi qualcosa di nuovo […]

Attività inclusiva per i BES

In questo breve video Anna La Prova presenta una attività di apprendimento cooperativo per includere gli alunni con Bisogni Educativi Speciali (BES)